Cos'è la felicità?

Ieri sera tardi stavo guidando lungo la gardesana per tornare a casa.

Accanto a me c'era Max che sonnecchiava, e, ferma ad uno dei tanti semafori presenti per i lavori in corso, mi sono potuta godere lo spettacolo del lago di Garda di notte.

E' stato un momento pazzesco, eravamo fermi in un pezzo di strada buio, neppure un lampione, neppure un rumore, si sentivano solo le onde e il vento, e lo spettacolo delle luci della sponda veronese riflesse sulle acque scure era meraviglioso!Se poi ci aggiungete che c'era una stellata fantastica e la luna alta nel cielo..beh, che spettacolo!!

Ecco, è un po' come quando sei in montagna e ti capita di arrivare in vetta e guardarti attorno, l'emozione per lo splendore che ti si apre davanti è uguale..o come quando in inverno ci sono quelle notti gelide e tersissime dove ti pare di poter toccare le stelle tanto sono vicine e luminose...o quando stai passeggiando in autunno lungo i prati o lungo il bosco e dall'alto ammiri il tuo amato odiato paesello e capisci quanto sei fortunato a vivere in un posto così...

niente, semplicemente sono momenti di gioia pura!

 

E qui è scattata una riflessione, copmplice anche un programma televisivo visto la sera prima (a cui accennerò dopo): molte persone identificano la felicità con il divertimento, la ricchezza, il successo, le soddisfazioni lavorative o amatoriali.

 

E' difficile scoprire la felicità nei sentimenti, come l’amore, l’amicizia o nelle piccole cose di ogni giorno.

 

Filosofi e psicologi dicono che il sentimento della felicità non è transitorio, né legato agli stati d’animo, non dipende dalla fortuna, ma dalle scelte di vita.

E’ uno stato mentale di armonia, che deriva dal modo di vivere.

La felicità cammina anche con le sofferenze, implicite in ogni persona.

 

Gli antichi Greci per indicare la felicità usavano la parola eudaimonìa, che significa essere in accordo con il proprio “demone”, con il proprio carattere.

Per essere felici bisogna allora conoscere se stessi, avere consapevolezza dei propri limiti ?

 

Martedì sera guardavo "non ditelo alla sposa"...ecco, su questo genere di programmimi sorgono sempre infinite domande..voglio dire: se il tuo lui deve organizzare il matrimonio si presuppone che ne abbiate già un minimo parlato..e se lui ti conosce e sa quanto odi il pesce perché crea un menù tutto di mare?se sa che non vuoi l'abito rosso alla Jessica Rabbit perché ti procura proprio quello? se porti il 39 di scarpe perché ti compra un 37? E poi perché addi al celibato/nubilato sempre da spogliarelliste/i?Ma voi siete una coppia???Parlate mai?

Ed ad un certo punto vedi la coppia inossidabile che va in mille pezzi, con lui incacchiato nero perché non vengono apprezzati i suoi sforzi (no caro mio, 1999,99€ per l'addio al celibato non sono normali né perdonabili!!!) e lei che si scioglie in mille lacrime vedendo ogni suo sogno crollare...Naturalmente poi giunge il fatidico giorno e tutto va bene..o così pare...

Non oso immaginare per quanti anni si rinfacceranno gli errori commessi...

Ma, a parte lo sproloquio qui sopra, quello che mi stupisce ogni volta in  questo genere di programmi (metteteci pure Matrimoni da favola, Abito da sposa cercasi & co.) è notare come gli uomini siano passivi nell'organizzazione, e per le donne il matrimonio sia un traguardo da raggiungere ad ogni costo.

 

Perché?????

 

Cioè spiegatemelo!!!Io non capisco proprio! Cioè se non ti sposi non sei realizzata?Se non ci sono minimo 150 invitati non hai valore? La tua vita non ha senso? Ed una volta passato il giorno del matrimonio che fai?Ti abbatti perché ormai sei senza scopi nella vita o martelli per nuovi traguardi, nuove vette?

 

Secondo me la bellezza del  matrimonio e la sua magia stanno nel fatto che non quel giorno, IL GIORNO, non sia un traguardo, ma l'inizio di qualcosa di più grande e bello.

 

Le nozze devono essere una  festa gioiosa e divertente con cui la coppia festeggia assieme alle persone più care il primo passo verso l'essere una nuova famiglia, un nuovo nucleo in cui si crescerà e si faranno scelte assieme che coinvolgeranno entrambi..non più due singoli individui divisi ma un'unica persona che mantiene le singolarità individuali pur nell' indivisibilità di intenti.

 

Quindi speriamo che il 14 settembre (ah, non ve l'avevamo detto??ci sposiamo il 14.09.2013 sempre che i Maya si siano sbagliati! :p  ) si riesca a festeggiare tutti insieme questo inizio, e che quel giorno diventi fonte e poi ricordo di felicità non solo per noi ma anche per chi ci sta accanto.

 

 

 

 

 

Ridiamo dai che oggi è una giornata funesta, altri due posti han detto no....uffa....mi sa che mangeremo pane e salame davvero sui prati dietro casa!!!beh, almeno non saremo in mezzo a gente spocchiosa!!! :p

Scrivi commento

Commenti: 3
  • #1

    orlando (giovedì, 22 novembre 2012 12:06)

    Condivido tutto Daniela,ma ti garantisco che purtroppo quei programmi sono organizzati con un copione da seguire alla lettera,condicio sine qua non per ottenere il premio.Bellissima invece la tua "immagine" del "GIORNO" che dovrebbe essere imprescindibile dal desiderio di una coppia di sposarsi....immagine che (e qui tiro l'acqua al mio mulino)un bravo fotografo deve saperti far rivivere nel tempo con le sue immancabili foto matrimoniali.

  • #2

    Daniela (giovedì, 22 novembre 2012 14:16)

    Beh, un po' mi immaginavo che fossero episodi "pilotati", anche solo per il fatto che tutti (proprio tutti!!!) trovano con estrema facilità i vari fornitori e location...la forza della tv!!!
    Dai, siamo certi che saprai immortalare al meglio i momenti di felicità ^_^

  • #3

    Alice (venerdì, 23 novembre 2012 09:23)

    Grande..quanto è difficile scovare la felicità ma credo proprio che sia come dici tu..nell'essere consapevoli delle scelte fatte e da qui trarne la propria felicità nonostante le difficoltà..io sono anni che corro dietro alla felicità ma mi sembra di non raggiungerla mai perchè svanisce dopo aver ottenuto quel qualcosa..e anche recentemente, con il mio compagno, non mi sentivo soddisfatta del resto della vita per mancanza di lavoro e un pò di schiacciamento di personalità ed interessi..ma ora sembra che stia ritrovando me stessa e che abbia fatto una scelta consapevole che mi sta rendendo più serena anche con il mio compagno..
    che grande Dani!